HTLaw | Digital e Corporate Forensics
14682
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-14682,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Digital e Corporate Forensics

Assistenza nell’acquisizione della prova digitale in caso di illeciti riguardanti l’attività di impresa

 

Le imprese e le Pubbliche amministrazioni stanno progressivamente sostituendo la carta con il byte. Questa importante trasformazione dell’organizzazione del lavoro ha dirette conseguenze sul mondo della giustizia e va oltre la digitalizzazione del processo civile e, nei prossimi anni, di quello penale. Sempre più spesso accade nelle aule di giustizia di doversi confrontare con la prova digitale (dal contenuto di un hard-disk all’e-mail di un dipendente infedele, dalla pagina web che viola la normativa sulla concorrenza al commento diffamatorio di un blog).

 

L’immaterialità e la facile alterabilità della prova digitale generano un problema di validazione giuridica: quali sono le corrette metodologie che permettono di poter ritenere utilizzabile un dato digitale all’interno del dibattimento? In ambito penale, la legge 48/2008 di ratifica della Convenzione Cybercrime sottoscritta a Budapest nel novembre del 2001, ha esplicitamente chiarito che nei mezzi di ricerca della prova devono essere adottate delle misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e a impedirne l’alterazione. Ma questa generica affermazione di principio deve trovare applicazione attraverso idonei accorgimenti tecnici.

 

Lo Studio HTLaw vanta una notevole esperienza nel settore e, lavorando con un team di consulenti informatici, è in grado di fornire assistenza nell’acquisizione della prova digitale e nella verifica della sua utilizzabilità nel processo. Oltre a ciò, lo Studio HTLaw, da alcuni anni, offre un servizio di  consulenza innovativo e di grande utilità per le imprese: la Corporate Forensics.  La complessità della normativa sulla protezione dei dati personali e dei frequenti provvedimenti del Garante della Privacy non rendono certo facile l’interpretazione di quali siano i limiti ai sistemi di “controllo tecnologico” che il datore di lavoro può utilizzare nei confronti dei suoi dipendenti. I nostri professionisti e gli esperti di sicurezza informatica che collaborano da anni con noi, sono in grado di fornire tempestivamente e con incontri “on site” tutti gli elementi utili per creare un’infrastruttura tecnologica di controllo nel pieno rispetto della normativa sulla privacy e, ovviamente, dei principi cardine stabiliti dallo Statuto dei Lavoratori sia in caso di attività di prevenzione, che di attività difensive successive alla commissione di un illecito aziendale.

Richiedi un preventivo